DEDALUS

La durata della degenza è stabilita in 36 mesi.

Per tutte le comunità l’ammissione e il programma di intervento viene concordato con
la UOP inviante e pertanto deve essere coerente al Piano di Trattamento Individuale (PTI) elaborato dal servizio territoriale (CPS) titolare della presa in carico. I programmi residenziali che necessitano di prosecuzione oltre la soglia prevista possono essere ridefiniti e prorogati secondo le modalità previste dalla normativa vigente.

Per quanto riguarda l’accoglimento di utenti
che non hanno precedenti trattamenti in ambito psichiatrico, valgono i seguenti criteri di ammissione: - sono da considerarsi diagnosi elettive: schizofrenia e sindromi correlate, sindromi affettive gravi (sindrome depressiva ricorrente grave, sindrome affettiva bipolare), gravi disturbi della personalità; - sono da considerarsi diagnosi di esclusione: demenza primaria, grave ritardo mentale.

La gestione operativa delle comunità
è assicurata dalla presenza di una Direzione Generale e da una Direzione Sanitaria a cui
si affianca un’équipe qualificata composta
da medici psichiatri, psicologi, infermieri professionali, educatori, tecnici della riabilitazione psichiatrica, operatori socio-sanitari e personale dedicato ai servizi generali secondo le indicazioni fissate dagli standard regionali previsti per l’accreditamento.